E' prudente adottare un bambino a distanza?; pagina 2

Gli utenti registrati possono scrivere una risposta

Pagina 2 di 4

16 Ilaveg, 3/09/13 16:47

Accidenti me lo sono perso! Comunque pare che per molti il collegamento alla questione sociale della scelta vegan sia del tutto oscuro.

17 Andrea, 3/09/13 16:53

E non ci vuole molto a capire che dare 1000 kg di cibo a un animale per ricavare 100 kg di carne non è molto furbo. E a capire che con 1000 kg di cibo mangiano 10 volte più persone che con 100 kg.

D'altra parte non mi stupisce che chi riflette su queste cose e continua ad ammazzare animali per non cambiare un paio di abitudini alimentari continui a far morire di fame le popolazioni più povere. In linea di massima chi se ne frega della vita degli animali se ne frega anche della vita dei suoi simili.

18 Andrea, 3/09/13 17:35

Mh.. vedo dall'elenco dei referer (le pagine in giro per il web con un link a questa pagina) che la discussione è stata da poco linkata da un sito di sostenitori della vivisezione quindi immagino che fosse solo una provocazione per poter dire "visto che mi hanno censurato?". Questo spiegherebbe gli insulti (gente senza cervello ecc. ecc.).

Anche perché non è affatto credibile che una persona che veramente si occupa di fame nel mondo non sappia che è causata principalmente dal consumo di prodotti animali: se veramente uno gira il mondo per arginare un problema saprà cosa lo provoca no?

19 Ilaveg, 3/09/13 17:36

Oddio non saranno quegli esaltati che hanno anche la pagina FB?

20 Andrea, 3/09/13 17:39

Yes!

21 cristy, 3/09/13 17:41

Andrea ha scritto:
Mh.. vedo dall'elenco dei referer (le pagine in giro per il web con un link a questa pagina) che la discussione è stata da poco linkata da un sito di sostenitori della vivisezione quindi immagino che fosse solo una provocazione per poter dire "visto che mi hanno censurato?".

Chissà che dimostrazione... essere censurati da un Forum vegan perchè si insultano le idee vegan e si dà degli scemi ai vegan

Anche perché non è affatto credibile che una persona che veramente si occupa di fame nel mondo non sappia che è causata principalmente dal consumo di prodotti animali: se veramente uno gira il mondo per arginare un problema saprà cosa lo provoca no?

Difatti, avevo pensato la stessa cosa


22 Ilaveg, 3/09/13 17:45

mamma mia...nemmeno a 15 anni uno si metterebbe a fare certi esperimenti informatici..

23 kiwana, 5/09/13 13:08

Che meraviglia vere tanto tempo ed energia da perdere!!

24 azraphel, 6/09/13 11:38

Quella pagina di fb sarà pure poco seria, ma i commenti degli utenti non erano riferiti alla censura. Hanno pubblicato solo i primi 3 messaggi della conversazione e obbiettivamente, leggendo solo quelli, sembra quasi che siano contro l'adozione a distanza o che la mettano in secondo piano rispetto all'adozione animale. Poi ovviamente si capiva quale fosse la posizione degli autori leggendo i messaggi successivi, ma quei primi tre sono usciti proprio male...

25 Andrea, 6/09/13 11:54

azraphel ha scritto:
Hanno pubblicato solo i primi 3 messaggi [ ... ] Poi ovviamente si capiva quale fosse la posizione degli autori leggendo i messaggi successivi

Il che dimostra la cattiva fede dell'operazione.

26 Marina, 6/09/13 12:25

In realta' a me non sembra che i primi 3 messaggi siano "usciti proprio male".

Ci sono dei leciti dubbi sul come queste associazioni usino le donazioni ricevute, cosa che e' del tutto giusta e lecita,e' una domanda da porsi sempre quando si fa una donazione a una associazione.

Quindi non c'e' proprio nulla di sbagliato in quei messaggi; possono essere visti in malo modo soltanto chi se ne frega degli animali, anzi, li odia pure, se arriva a spendere il proprio tempo per fare campagne pro-vivisezione, come la gente di quella pagina FB.

Le osservazioni che fanno solo le solite "ma le persone sono piu' importanti", mettendo in concorrenza dirittti umani e animali, cosa che invece non esiste MAI.

27 azraphel, 6/09/13 12:57

Senza dubbio porsi delle domande sulle associazioni che fanno beneficenza è più che lecito ma nei primi tre messaggi veniva fatta solo la considerazione in "negativo" (a parte la proposta di Andrea di donare materialescolastico) mentre la maggior parte delle proposte venivano fatte dopo. E poi c'era da qualche parte qualcosa tipo "tanto i bambini non vengono ammazzati barbaramente" che suonava un po' insensibile.

28 Andrea, 6/09/13 13:13

azraphel ha scritto:
ma nei primi tre messaggi
veniva fatta solo la considerazione in "negativo" (a parte la proposta di Andrea di donare materialescolastico)

Ma sono solo considerazioni sul fatto che i soldi spesso vengono usati per uccidere animali, non sono "in negativo", sono dati di fatto. Mi pare normale che delle persone vegan vogliano aiutare i bambini senza far ammazzare animali e dimostra solo che noi vegan aiutiamo tutti: umani e non umani. Atteggiamento che ovviamente gli amichetti dei vivisettori disprezzano.

29 Stella63, 11/09/13 17:32

C é gente che non so come mai entra qua dentro avendo idee così distanti... Boh

30 Ultravegan, 11/09/13 21:42

L'alimentazione vegan è la più economica, i nostri nonni

Erano> erano praticamente vegan (i prodotti animali entravano in
casa forse 1 volta al mese) proprio perché non c'erano soldi.

Premesso che sono orgogliosamente vegano da quasi tre anni, sono anche appassionato di cucina e studioso delle tradizioni contadine della mia regione ( il Piemonte) volevo fare qualche considerazione in proposito.

I nostri nonni erano tutt'altro che vegani, l' idea di rispettare la vita degli animali non li sfiorava nemmeno, a dire il vero la stessa vita umana era molto meno considerata di adesso.

È vero che c' erano pochi soldi, di conseguenza si ripiegava su ingradienti poveri e accessibili, e le verdure all'epoca erano disponibili solo in stagione, non essendoci congelatori o serre, si potevano fare le conserve sott' olio, ma l' olio di oliva era praticamente inaccessibile ai più.

La cucina si basava oltre che sulle verdure di stagione disponibili, su pollame ( ogni famiglia in campagna aveva le galline ) uova, conigli e sulle parti meno nobili dei bovini, per non parlare del maiale di famiglia che tradizionalmente veniva ucciso in autunno e utilizzato in tutte le sue parti.

I piatti tipici contadini del nord sono la bagna cauda ( acciughe sotto sale ) , la finanziera ( creste e bargigli di gallina ) la cassoela ( cotiche di maiale ) il baccalà alla veneta e chi più ne ha più ne metta, non parliamo poi delle popolazioni vicino al mare dove il pesce la faceva da padrone assoluto, e i pescatori erano la parte più povera della popolazione.

In realtà i piatti che si potrebbero considerare vegani erano ben pochi, e comunque la proteine animali, sia pure quelle meno nobili, erano quasi sempre presenti, le uova sono sempre costate poco.

Del resto l' aspettativa di vita era ben inferiore a quella attuale e malattie correlate allo scarso apporto vitaminico come lo scorbuto e la gotta erano all' ordine del giorno.

Essere vegani oggi è facile e salutare, ma provate ad immaginare se improvvisamente sparissero prodotti come la soia, il tofu, il seytan, il latte di soia , il latte di riso, la margarina, e vari integratori alimentari. Immaginate poi se potessimo disporre di frutta e verdura solo nella stagione del raccolto.

Pagina 2 di 4

"Mamma, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi