Alternative vegan al parmigiano

Il parmigiano sulla pasta o risotto serve semplicemente ad insaporire, ma è facile cambiare questa abitudine utilizzando altri insaporitori con ingredienti vegetali. In realtà, nella maggior parte dei casi basta omettere questo ingrediente, così il sapore del piatto preparato si sentirà di più.

Ma se non vogliamo rinunciare a questa abitudine, niente paura, le opzioni vegan sono tante, già pronte o da fare in casa in un minuto!

  • Il lievito alimentare in scaglie (si tratta di lievito disattivato, che non lievita, ma insaporisce soltanto) è molto saporito, ottimo sulla pasta o nei risotti, ma anche nell'insalata assieme a semi e noci tritate, o da spolverare sulle lasagne o altri piatti gratinati. Si trova nei negozi di alimentazione bio o in alcune erboristerie e costa davvero poco.

  • Simil-grana fatto in casa con mandorle: frullare in un tritatutto 4 cucchiai di mandorle pelate, 4 cucchiai di lievito in scaglie e 1-2 pizzichi di sale. Si può tenere in un vasetto in frigorifero, si conserva per qualche giorno.

  • Simil-parmigiano con semi: frullare finemente 50 g di mandorle, 50 g di anacardi, 50 g di semi misti (zucca, girasole, sesamo) e aggiungere sale a piacere. Anche questo si conserva in frigo per qualche giorno.

  • Prodotti già pronti: esistono in commercio molti prodotti pronti di questo genere. Noi consigliamo di provare quelli nel catalogo di AgireOra Edizioni, organizzazione non-profit che utilizza tutto il ricavato per iniziative animaliste: il semplice Jeezano, fatto di farina di mais e fior di sale; il parmi-topper alle erbe e quello piccante. Vai al catalogo per provarli!

Chi salviamo con queste ricette?

Salviamo mucche e vitelli, perché l'industria del latte crea una enorme sofferenza a questi animali e li uccide tutti in giovanissima età.

La mucca produce latte, come ogni mammifero, donne incluse, solo dopo il parto. Il vitellino viene subito portato via, perché il latte è "proprietà" dell'allevatore, non del cucciolo... Il dolore della separazione è lancinante per mamma e figlio. Il cucciolo viene confinato in un piccolo spazio e macellato a 6 mesi. La madre viene munta ogni giorno e viene fatta partorire una volta l'anno. Dopo 3-4 parti la mucca è talmente sfruttata che non serve più, e viene macellata, a circa 5 anni d'età, mentre in natura vivrebbe 20 anni.

Questo accade in ogni genere di allevamento, grande o piccolo, bio o non bio. Per salvare questi animali è necessario evitare latte e derivati, diventando vegan, e utilizzando i tantissimi ingredienti "senza crudeltà" a disposizione.

Non sei ancora vegan?

Puoi salvare migliaia di animali, senza grandi rinunce, solo cambiando un po' le tue abitudini. Scopri perché e come diventare vegan con la guida di VegFacile.

VegFacile.info

Tutti gli speciali

Lanciamoci subito nelle iniziative dell'area volontari di AgireOra!

Inauguriamo un 2019 all'insegna della difesa degli animali.

Partecipa!