Profilo di 75C25

Informazioni generali

NomeAlessandro
RegistratoDomenica 31 Agosto 2014 17:42
Messaggi inviati7, di cui 1 nuove discussioni
Mi presentoMi interesso di alimentazione e ambiente da molti anni, in tanti sappiamo quali sono i problemi legati soprattutto all'allevamento intensivo e in generale allo sfruttamento degli animali, però sono arrivato alla conclusione che ci sono molti limiti nel pensare solamente che "vegan va bene, tutto il resto no", questa semplificazione non permette di capire la realtà che è molto più complessa. Se si pensa che "il veganismo salverà il mondo" ho dei dubbi, e questo proprio per i limiti della parola stessa, che comprende cose troppo diverse tra loro. Ecco quali informazioni non dà la parola vegan:
-non dice se il prodotto è biologico o no, e scusate se è poco
-non dice se è sano (lo zucchero bianco, la farina raffinata sono vegan)
-non dice quanto inquina, la plastica è vegana per esempio (vegana come produzione, non vegana nei suoi effetti nefasti per tutti, animali compresi)
-non dice se viene da lontano, magari dall'altra parte del mondo
-non dice se i lavoratori che lo hanno prodotto sono in qualche modo sfruttati o ci sono altri problemi legati all' aumento di produzione di quel prodotto
(vedi come esempio gli anacardi, la quinoa, l'avocado se viene dall'America, ho una foto di un prodotto vegano e biologico ma con olio di palma)

Inoltre quando ci si immagina un mondo completamente vegan non si pensa probabilmente a 2 fattori: 1) tutte le persone che vivono in paesi molto freddi nei quali i vegetali sono pochi o non ci sono. In questi casi cosa è giusto fare? L'ambiente dovrebbe sempre essere il maestro che prendiamo a esempio. Io penso che se la natura ha fatto in modo che in certe zone sia difficile o impossibile coltivare vegetali vuol dire che chi vive lì crea un equilibrio in modo diverso e questo si spiega facilmente pensando allo yin e yang (nella macrobiotica lo yang sono gli animali, yin è il freddo). Possono importare prodotti da altri paesi ma con quali conseguenze per la loro salute? Allora dovrebbero trasferirsi? Non è cosa da poco. Non vedo nel mondo vegan tutta questa consapevolezza se si ha come unico principio la liberazione animale. 2) l'altro esempio sono i popoli nativi che dovrebbero essere sempre rispettati come custodi della natura in tutti questi secoli, e spesso non sono vegan. Certo mi ha fatto impressione vedere i cacciatori di scimpanzé nel bellissimo film Il sale di terra, ma noi con col nostro cellulare, computer, plastica, aerei che inquinano, non possiamo certo criticarli. Il rapporto anche simbiotico tra gli animali e quei popoli, che è poi preso come esempio anche nel film Avatar, è una cosa per noi difficile da capire, molto lontana dal nostro mondo, ma è una possibilità.

Vegan?
Vegan dall'anno0
Motivazioni iniziali Amore per gli animali
Rispetto per gli animali
Salute
Ecologia
Ridurre la fame nel mondo
Data di nascita25-3-1975
Luogo di nascitaBologna - Emilia-Romagna
ViveBologna - Emilia-Romagna
SessoUomo
StatoLibero/a
Professione Insegnante/Docente
Insegnante di musica
VegPersonalitàVeganSalutista
InteressiMusica, arte, natura, psicologia, ho molti interessi.

"Papà, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi