Primo mese vegan... brufoli?!; pagina 2

Gli utenti registrati possono scrivere una risposta

Pagina 2 di 4

16 veganPOWER, 6/09/12 11:41

Rico ha scritto:

Però se vedessi
l'essere vegano sotto un punto di vista etico poi avrei paura di incappare in una serie di contraddizioni: al mio cane non dovrei più dare da mangiare carne?

beh... DIREI!!

17 veganPOWER, 6/09/12 11:47

veganPOWER ha scritto:
Rico ha scritto:

Però se vedessi
l'essere vegano sotto un punto di vista etico poi avrei > paura di incappare in una serie di contraddizioni: al mio > cane non dovrei più dare da mangiare carne?

beh... DIREI!!

o meglio, non mi pare nè impossibile , nè contraddittorio. In natura non ho mai visto un cane andare a caccia di bovini/suini.;)

Quindi se vuoi puoi farlo, i prodotti esistono.

18 Guest, 6/09/12 11:52

Guest ha scritto:
Rico ha scritto:
nel ristorante
dove lavoro non dovrei più servire la carne?

Questa è una faq del lavoro non etico... si, diciamo che uno fa di tutto pur di non servire cadaveri, quindi nel frattempo semplicemente si cerca un altro lavoro.. ce la si mette tutta. Se i cadaveri che servissi fossero di persone credo che faresti il possibile almeno per cambiare lavoro.. no? Però..son solo animali. (questo purtroppo per alcuni è normale all'inizio, i condizionamenti e la mentalità "carnivora" in cui siamo abituati a sguazzare giocano un ruolo fondamentale).

Quello che vorrei aggiungere è che possiamo fare anche esempi più estremi e "il meno peggio".. anche un semplice dipendente in un centro commerciale che quindi lavora per una multinazionale che ammazza animali e fa vivisezione non è un lavoro etico.. l'importante, nel mentre, è spendere una parte del denaro che si ricava con lo stipendio per aiutare gli animali.. e semplicemente cercare un altro lavoro se si vuole (non che lo si trovi subito, ma se non si cerca è sicuro che non si trova).

Ovviamente ci sono dei ""lavori"" da non prendere proprio in considerazione come quello del macellaio.. ma insomma.. reputo le persone abbastanza intelligenti (anche se purtroppo ci dobbiamo ricredere molto spesso riguardo l'intelligenza) da pensare che ci arrivino da sole.

19 Guest, 6/09/12 11:55

Ovviamente quando parlo di dipendente parlo del semplice cassiere.. o lo scaffalista di oggetti per telefonia...per farti un esempio (lavori di per sé "vegan").

20 Rico, 6/09/12 12:28

Siete stati gentilissimi tutti con i consigli e le risposte! grazie mille! :)
Mi dispiace andare un po' OT, fuori dal tema della discussione, però vi provo a rispondere anche sul fronte vegano etico.

Anche perché, anche se non ti frega nulla degli animali, ti ricordo che la sperimentazione animale non solo nuoce agli animali ma anche alle persone, non è una pratica scientifica: http://www.tvanimalista.info/video/vivisezione/

Ovviamente la vediamo in maniera diversa.. Io auguro a tutti di stare bene sempre.. Ma se mai vi doveste ammalare ricordatevi che il farmaco che state prendendo e che la maggior parte delle volte vi fa guarire, è lì solo perchè c'è stata sperimentazione animale.. E non sto parlando di mal di testa o di febbre, sto parlando di malattie serie e importanti..
La vivisezione è solo una triste parentesi, la maggior parte degli studi sugli animali sono ben diversi.. E la maggior parte della gente che lavora con cavie da laboratorio ogni giorno cerca di far si che le loro sofferenze necessarie siano il meno possibile..
Poi siete liberissimi di non credermi e di pensarla in maniera diversa!:)

Bè.. l'idea cambia se consideri gli animali come soggetti da salvare, non come cose da non mangiare per non avere brufoli.

Ahah di certo non ho inziato a mangiare vegano per non avere brufoli, perchè prima non li avevo :-)
No è un discorso di salute più ampio legato a intolleranze, difese immunitarie a pezzi e continue visite dal dottore!

La mia scelta di alimentazione al momento non si spinge più in là, rimanendo comunque sensibile a certi temi.. Ma ripeto, magari un giorno cambierò idea!;)

21 AndreaIris, 6/09/12 12:35

Rico ha scritto:
Siete stati gentilissimi tutti con i consigli e le risposte! grazie mille! :)
Mi dispiace andare un po' OT, fuori dal tema della discussione, però vi provo a rispondere anche sul fronte vegano etico.

Anche perché, anche se non ti frega nulla degli animali, ti > ricordo che la sperimentazione animale non solo nuoce agli > animali ma anche alle persone, non è una pratica > scientifica: > http://www.tvanimalista.info/video/vivisezione/

Ovviamente la vediamo in maniera diversa.. Io auguro a tutti di stare bene sempre.. Ma se mai vi doveste ammalare ricordatevi che il farmaco che state prendendo e che la maggior parte delle volte vi fa guarire, è lì solo perchè c'è stata sperimentazione animale.. E non sto parlando di mal di testa o di febbre, sto parlando di malattie serie e importanti..
La vivisezione è solo una triste parentesi, la maggior parte degli studi sugli animali sono ben diversi.. E la maggior parte della gente che lavora con cavie da laboratorio ogni giorno cerca di far si che le loro sofferenze necessarie siano il meno possibile..
Poi siete liberissimi di non credermi e di pensarla in maniera diversa!:)

Peremttimi di farti notare, Rico, che quei farmaci esistono NONOSTANTE la sperimentazione animale e non GRAZIE ad essa.. :) solo uno spunto di riflessione..

22 Guest, 6/09/12 12:38

Rico ha scritto:
Siete stati gentilissimi tutti con i consigli e le risposte! grazie mille! :)
Mi dispiace andare un po' OT, fuori dal tema della discussione, però vi provo a rispondere anche sul fronte vegano etico.

La vivisezione è solo una triste parentesi, la maggior parte degli studi sugli animali sono ben diversi.. E la maggior parte della gente che lavora con cavie da laboratorio ogni giorno cerca di far si che le loro sofferenze necessarie siano il meno possibile..
Poi siete liberissimi di non credermi e di pensarla in maniera diversa!:)

Vedi..

1)Mon ti sei degnato neppure di vedere il video che ti ho linkato.
2) Gli animali non esistono in funzione dell'uomo!
3) Se cominciassi a sperimentare sugli africani quella sarebbe una triste parentesi (non capisco perché mi dovrei preoccupare di un africano visto che si tratta della mia salute).. ma di nuovo.. sono solo animali..(mentalità rivoltante)
4) Non sei Ot, sei proprio fuori Policy: https://www.veganhome.it/community/policy/
Infatti anche se la "pensi in maniera diversa" non puoi venire qui a difendere la vivisezione o sperimentazione animali come si voglia chiamare (giusto.. la parola "sperimentazione" fa meno scena rispetto alla parola "vivisezione")
5) Piuttosto informati.

23 MissV, 6/09/12 12:40

Sento puzza di post sbagliato nel forum sbagliato!

24 Guest, 6/09/12 12:40

Rico ha scritto:
La mia scelta di alimentazione al momento non si spinge più in là, rimanendo comunque sensibile a certi temi.. Ma ripeto, magari un giorno cambierò idea!;)

Non sapevo che si cambiasse idea senza riflettere, con una illuminazione dall'alto, ma potrei ricredermi.

AndreaIris ha scritto:
Peremttimi di farti notare, Rico, che quei farmaci esistono NONOSTANTE la sperimentazione animale e non GRAZIE ad essa..

Esatto. Questo la dice lunga su quanto poco ne sappia..

25 Marina, 6/09/12 12:43

Rico, questo e' un forum animalista, non puoi venire qui a difendere la vivisezione, per di piu' col solito trucchetto linguistico "ah, ma non e' vivisezione, sonos tudi su animali!" quando invece le parole sono sinonimi.

Quindi, se ti vuoi informare sull'argomento, senza preconcetti, puoi leggere qui:
https://www.novivisezione.org/
(parti dalle prima 2 voci di menu della colonna di destra per una introduzione, e poi c'e' moltissimo altro materiale da leggere).

Qualsiasi cosa tu ne pensi, non puoi comunque venire qui a difendere la vivisezione, perche', come indicato nella policy, non siamo qui per discutere SE lo sfruttamento e uccisione di animali sia lecito o meno. Qui si da' gia' per scontato che non lo sia, MAI, e da qui si parte per qualsiasi altra discussione.

Quindi, qui non si puo' difendere nessuno sfruttamento e uccisione di animali, in nessun campo, non mettiamo a disposizione questo spazio per chi vuole difendere queste cose.

In compenso, ci sono molti siti che mettiamo a disposizione per spiegare perche' queste cose non si devono fare, e perche' se le facciamo, oltre a far del male agli animali, lo facciamo pure a noi stessi, e quindi oltre che eticamente ingiustificabile, e' pure stupido fare queste cose.

E chiudiamo qui.

26 Iris4815, 6/09/12 12:47

Beh dai Didi non facciamo passare il messaggio che se uno vuole essere vegan deve licenziarsi e cercare lavoro in un paese dove è già un miracolo se il lavoro ce l'hai. Può benissimo essere vegan nonostante il suo lavoro... Ovviamente parlo dell'essere cameriere, non del laboratorio, un vegan dichiaratamente pro-vivivisezione credo non si sia mai visto... La necessità di cambiare lavoro arriva nel momento in cui tu non ti senti più a tuo agio, e servire pezzi di animali ti fa stare male... Allora cerchi un lavoro diverso, ma non è che finchè non lo fai non sei vegan o "incappi in incoerenze". Nel frattempo potrebbe mettersi d'accordo con gli altri camerieri, e magari può essere d'incentivo per stimolare il ristorante dove lavora ad essere più vegan-friendly e creare un menù vegan...

27 Iris4815, 6/09/12 12:51

Ci ho messo troppo a scrivere il messaggio ed è successo il finimondo! :O

28 Guest, 6/09/12 12:57

Iris4815 ha scritto:
Beh dai Didi non facciamo passare il messaggio che se uno vuole essere vegan deve licenziarsi e cercare lavoro in un paese dove è già un miracolo se il lavoro ce l'hai. Può benissimo essere vegan nonostante il suo lavoro...

Forse io non mi spiego bene!

L'importante è cercare un altro lavoro!!.. nel frattempo si fa quel che si può per limitare i danni.

Tutto qui.

Ho fatto infatti l'esempio limite.. ma pare che alcune righe che scrivo vengano lette e altre no.

... La necessità di cambiare lavoro arriva nel
momento in cui tu non ti senti più a tuo agio, e servire pezzi di animali ti fa stare male...

Ma a quale vegan non fa star male servire pezzi di
cadavere?

Allora cerchi un lavoro
diverso, ma non è che finchè non lo fai non sei vegan o "incappi in incoerenze".

Di certo ti fa star male, quindi prima si cerca un lavoro e prima si cambia; chi non cerca non trova!

E qui meglio finire, già un'altra volta si è parlato di lavoro etico e non etico.. vanno sempre a schifio questo tipo di discussioni, quindi se proprio vogliamo parlare.. parliamo di brufoli.

29 Andrea, 6/09/12 13:11

Iris4815 ha scritto:
La necessità di cambiare lavoro arriva nel
momento in cui tu non ti senti più a tuo agio, e servire pezzi di animali ti fa stare male... Allora cerchi un lavoro diverso, ma non è che finchè non lo fai non sei vegan o "incappi in incoerenze".

Il punto è che se gli antischiavisti avessero lavorato alle dipendenze degli schiavisti, solo per il fatto che non erano loro a incatenarli direttamente; o se chi era contrario al nazismo avesse lavorato nei campi di concentramento, con la scusa che faceva solo le pulizie e quindi non uccideva direttamente nessuno, la storia sarebbe andata
diversamente.

Cercare un nuovo lavoro (non si parla neppure di licenziarsi all'istante) mi pare ben poca cosa in confronto allo sterminio di massa degli animali.

Nel frattempo potrebbe mettersi
d'accordo con gli altri camerieri, e magari può essere d'incentivo per stimolare il ristorante dove lavora ad essere più vegan-friendly e creare un menù vegan...

Questo sì. E' una strategia diversa, che non condivido ma che capisco abbia una sua validità. Uno lavora "dall'interno" per cambiare le cose. Ma qui si parlava di un generico "non mi interessa il lato etico quindi faccio il lavoro che mi pare".

30 Iris4815, 6/09/12 13:12

Guest ha scritto:
Forse io non mi spiego bene!

L'importante è cercare un altro lavoro!!.. nel frattempo si fa quel che si può per limitare i danni.

Tutto qui.

Ho fatto infatti l'esempio limite.. ma pare che alcune righe che scrivo vengano lette e altre no.

Si che ti ho letto e ho capito cosa volevi dire... Volevo solo evidenziare il discorso "non posso essere vegan perchè sennò incappo in incoerenze perchè servo animali"... L'importante e che diventi vegan (e non solo che mangi vegan), dopodichè diventa naturale per te muoverti per cercare un'altro lavoro, appunto perchè è normale che cominci a farti stare male. Ma non è che è un necessità strumentale all'essere vegan...
Lo dicevo specialmente perchè la più grande remora che ha il mio ragazzo per diventare vegan è, visto che fa il cuoco, "non potrei essere vegan perchè cucino animali"... Io sto cercando di fargli capire che può esserlo comunque, e una volta che lo sarà e non vedrà più gli animali come cibo sarà lui che si muoverà per primo per diventare uno chef vegan...

Ma a quale vegan non fa star male servire pezzi di cadavere?

Non scatta automaticamente il malessere, ci vuole tempo ed è comunque soggettivo... Potrebbe anche non scattare mai...

E qui meglio finire, già un'altra volta si è parlato di lavoro etico e non etico.. vanno sempre a schifio questo tipo di discussioni, quindi se proprio vogliamo parlare.. parliamo di brufoli.

Si infatti... Allora... Io ne ho pochi!

Pagina 2 di 4

"Papà, raccontami ancora di quando le persone hanno smesso di uccidere gli animali per mangiarli."

La storia che studieranno le prossime generazioni la stiamo scrivendo noi adesso. Facciamo in modo che sia una storia migliore per tutti gli esseri viventi.

Scrivi la storia con noi