Onnivori?? No! Carnisti!

Gli utenti registrati possono scrivere una risposta

1 carlito, 14/07/12 12:59

Ciao ragazzi,

sono nuovo, e non so se avete già sollevato questo argomento in caso, però mi piacerebbe affrontare con voi questa questione.
Ho notato leggendo i vari post che tutti definiscono i non-veg: onnivori o carnivori.

Credo che sia profondamente sbagliato.
Come scrive Melanie Joy:
"Talvolta pensiamo a coloro che mangiano carne come a dei carnivori. Ma questi ultimi sono, per definizione, quegli animali che dipendono dalla carne per la propria sopravvivenza. Inoltre, i consumatori di carne non sono solo onnivori. Un onnivoro è un animale - umano, non umano - che ha l'abilità fisiologica di ingerire sia vegetali sia carne. Ma al pari di "carnivoro", "onnivoro" è un termine che descrive la costituzione biologica di un individuo e non le sue scelte fisiologiche.
Le persone mangiano carne non perché ne hanno bisogno ma poiché scelgono di farlo, e le loro scelte derivano sempre da credenze. (...)
Per certi aspetti, ha senso che al vegetarismo sia stato dato un nome prima del carnismo.
E' più facile riconoscere quelle ideologie che non rientrano nelle convenzioni. Ma c'è un'altra ragione, più importante per cui il vegetarismo è stato etichettato, a differenze del carnismo. Il modo principale attraverso cui le ideologie radicate rimangono tali è restando invisibili.
Il modo principale con cui rimangono invisibili è l'anonimato. Se non diamo loro un nome, non possiamo parlarne e se non possiamo parlarne, non possiamo metterle in discussione."

Quindi ragazzi sono carnisti! Combattiamoli! Diamo loro un nome vero per combattere la loro ideologia fasulla!
:)

2 Ishi, 14/07/12 13:20

ciao, sono nuovissimo anch'io.
Sono d'accordo. Il Carnismo è un movimento culturale di massa (ainoi). Essere carnivori e onnivori invece è proprio naturale, quindi giusto e corretto per quegli esseri che lo sono evolutivamente.

Una piccola considerazione: non dobbiamo combattere nessuno, ma mostrare con amore. Non è con energie negative di odio e contrasto che si innesca il cambiamento negli altri. È una differenza sottile, ad esempio: manifestare per la pace, non contro la guerra. Io credo nella legge dell'attrazione, nelle forme pensiero e nel loro potere di generare la nostra realtà. Un 'energia contraria/di opposizione rafforza ciò che combattiamo. Noi dobbiamo dare energia a ciò che amiamo e vogliamo. Non a ciò che non ci piace. Il "no" è una negazione che inconsciamente innesca un pensiero basso, cupo. No a questo, no a quello... Bisogna dire tanti sì! Allora chi è predisposto a cambiare si troverà a suo agio con questi pensieri e troveremo apertura verso il nostro mondo.

Che bello essere qui insieme a voi :)
DArio

3 seitanterzo, 14/07/12 13:29

Ciao ragazzi! :-)
Carnivori direi che è sbagliato, ed è più una nostra provocazione che altro (ma a confronto molto più scientifica di "veganiani", come dice qualcuno...), dato che un carnivoro può mangiare solo carne.
Il termine "carnisti" invece mi pare che sia molto più adatto della definizione "onnivori", proprio perchè spinta da una necessità "culturale" ed economica, che da una reale necessità.
In 12 anni e mzzo da vegan non l'avevo mai sentito, c'è sempre da imparare!

4 eweg, 14/07/12 13:49

"Diversamente vegan"

5 AndreaIris, 14/07/12 14:12

In effetti quando mi capita di dover parlare di "onnivori" tendo sempre a scriverlo tra virgolette, visto che i veri onnivori sono ben altri, e per ben altri motivi..!

6 Marina, 14/07/12 14:22

Io sto leggendo quel libro, ma l'ho appena iniziato, quindi non mi sono ancora fatta un'idea se sia valido o meno. L'unico problema è che quella parola non la conosce nessuno, quindi possiamo anche usarla tra noi, ma all'esterno non saprebbero nemmeno cosa vuol dire.

Ciao,
Marina

7 carlito, 14/07/12 16:14

Marina ha scritto:
Io sto leggendo quel libro, ma l'ho appena iniziato, quindi non mi sono ancora fatta un'idea se sia valido o meno. L'unico problema è che quella parola non la conosce nessuno, quindi possiamo anche usarla tra noi, ma all'esterno non saprebbero nemmeno cosa vuol dire.

Esatto Marina, il punto è proprio questo!

"Il modo principale con cui rimangono invisibili è l'anonimato. Se non diamo loro un nome, non possiamo parlarne e se non possiamo parlarne, non possiamo metterle in discussione."

Ishi, ho apprezzato molto il tuo intervento. Quando ho scritto combattiamo non intendevo con la violenza. Scusami ho usato il termine sbagliato.
Intendevo con la parola, con il dialogo mai con la
violenza.
Però stando bene attenti, purtroppo il mio atteggiamento pacifico di convinzione e informazione della gente non prevede la tolleranza.
Proprio non ce la faccio a tollerarli/accettarli, come non riuscirei mai a tollerare/accettare un razzista.

8 Ishi, 14/07/12 19:10

carlito ha scritto:
Ishi, ho apprezzato molto il tuo intervento. Quando ho scritto combattiamo non intendevo con la violenza. Scusami ho usato il termine sbagliato.
Intendevo con la parola, con il dialogo mai con la violenza.
Però stando bene attenti, purtroppo il mio atteggiamento pacifico di convinzione e informazione della gente non prevede la tolleranza.
Proprio non ce la faccio a tollerarli/accettarli, come non riuscirei mai a tollerare/accettare un razzista.

Lo so che non intendevi con la violenza. Io stesso non riesco quasi mai ad essere tollerante, ma ci provo. Ma la parola stessa, se violenta, nel momento stesso in cui la pensi e la scrivi produce una violenza mentale, una vibrazione violenta. Capita anche a me, tutti i giorni.. credo sia un pò il problema di tutti noi... confrontarci (potevo usare scontrarci) con un mondo indifferente all'olocausto silenzioso che avviene senza sosta.. Io stesso mi incazzo letteralmente spesso con amici e/o parenti, ora che poi finalmente ho fatto il passaggio vegetariano => vegano. Soffro, tutti i giorni, perché in fondo mangiamo 3 volte al giorno e siamo circondati da carnisti, locali per carnisti, pubblicità per carnisti. Quello che vorrei è questo: dobbiamo essere coscienti che solo mostrando quanto stiamo bene, siamo sani, felici e amanti del mondo possiamo ingrossare le nostre fila :) Nessun venditore incazzato, arrogante, intollerante che bussa alla nostra porta riuscirà mai a venderci nulla, anche fosse la cosa più fantastica del mondo.

9 carlito, 14/07/12 19:29

Condivido pienamente :).

10 Marina, 14/07/12 23:50

carlito ha scritto:
Marina ha scritto:
Io sto leggendo quel libro, ma l'ho appena iniziato, quindi > non mi sono ancora fatta un'idea se sia valido o meno. > L'unico problema è che quella parola non la conosce nessuno, > quindi possiamo anche usarla tra noi, ma all'esterno non > saprebbero nemmeno cosa vuol dire.

Esatto Marina, il punto è proprio questo!

Sì, sì, lo so.

Ishi, ho apprezzato molto il tuo intervento. Quando ho scritto combattiamo non intendevo con la violenza. Scusami ho usato il termine sbagliato.

Ma combattere non vuol dire per forza usare la violenza o la forza.
Possiamo tranquillamente usarla, come parola (combattere). Poi anche volendo non sarebbe possibile usarla, la forza, per far cambiare comportamento alla gente. Siamo troppo pochi.
Anche far rispettare una legge è usare la forza, perché costringi la gente che non vuole rispettarla a farlo lo stesso, ma nessuno la vede come una cosa negativa (quando la legge è giusta, ovviamente).

Al momento invece le uniche nostre "armi" sono le informazioni che diamo, ma per fortuna non servono leggi per dire alle persone cosa mangiare, lo possono decidere da sole e quindi con l'informazione si riesce a fare molto.

Ciuao,
Marina

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!