É tutto così sbagliato...

Gli utenti registrati possono scrivere una risposta

1 Vale_2O17, 24/05/20 14:04

Ciao a tutti,
Ieri io e il mio fidanzato siamo andati a trovare i suoi genitori che vivono in campagna. Abbiamo scoperto che mio cognato ha comprato un sacco di galline, perchè dice che è rimasto senza lavoro e vuole iniziare un business di uova, galline ornamentali e occasionalmente cibarsi di questi poveri animali che a suo dire avrebbero delle carni più sane. Insomma le solite fesserie, tutto a scapito di queste povere creature ovviamente. Io sono rimasta molto male da sentire tutto ciò, mentre mi faceva vedere il pollaio e mi raccontava di come vuole bene a questi animali, e subito dopo mi diceva quali avrebbe ucciso e perchè...
Naturalmente non ce l'ho fatta a starmi zitta e abbiamo intrapreso una discussione su quanto sia sbagliato tutto questo. Lui un po' ascoltava, ma ovviamente esaurita una obiezione fallace ne tirava fuori un'altra e un'altra ancora... Le solite cose... A peggiorare il tutto si è aggiunto un amico di famiglia, vegetariano che si spaccia per vegan (non chiedetemi perchè), che mi dava contro dicendo che finchè le galline vengono uccise quando lui non c'è allora non gli interessa, e che anche le piante comunicano e tutte queste solite fesserie. Io spero davvero che lui cambi idea e che si affezioni abbastanza da non torcere nemmeno una piuma a questi animali. Ma mi credete se vi dico che questa situazione mi ha colpita di più di tutte le centinaia di discussioni che ho intrapreso in strada con sconosciuti che dicono le stesse stupide giustificazioni per continuare a nuocere agli animali?!?! É atroce, non riesco a stare tranquilla nè a smettere di pensarci.
É tutto così sbagliato, che ancora nel 2020, con tutte le informazioni, le ore dedicate all'attivismo, i filmati, addirittura le alternative vegetali che imitano la carne, ancora nonostante la presa di coscienza dell'umanità, ANCORA scelgono volontariamente di privare un animale unico della sua vita per sempre. Il tutto per 5 minuti di piacere personale. Non me ne capacito, e non ho mezzi reali per fermare tutto questo. Ci provo ma non ci riesco. Sono molto giù di morale.
Scusate lo sfogo, so che voi mi potete capire...

2 Marina, 25/05/20 09:28

Sì, è molto triste, ma non mi stupisce per nulla. Certo, fa più male se lo vedo in prima persona, con gente che conosci, ma non è purtroppo strano.

E' l'ennesima riprova che anche le "galline del contadino" allevate per le uova fanno una brutta fine, per non parlare ovviamente dei pulcini maschi uccisi appena nati, uno per ogni gallina che c'è in quel pollaio.

Tralasciando il mammalucco che si dice vegetariano o ancor peggio vegano ma gli basta che gli animali li ammazzino quando lui non vede (perché, quando mai vediamo ammazzare animali?), non dobbiamo fare l'errore di pensare che quando diffondiamo informazioni TUTTE le persone le ricevano, le capiscono, ne siano interessati e, soprattutto, si comportino di conseguenza.

La maggior parte della gente se ne frega, ma noi dobbiamo puntare a quella parte a cui invece importa. Che in percentuale è molto meno, ma è comunque formata da un numero enorme di individui, che possiamo indurre a cambiare comportamento, come l'abbiamo cambiato noi a suo tempo.

Sarebbe bello sapere a priori chi sono, ed essere in grado di arrivare solo a loro con le nostre informazioni, ma non è così, quindi le dobbiamo spargere a pioggia su tutti, sapendo che, tra questi, qualcuno riusciremo a sensibilizzarlo. Per questo è importante "colpire" il maggior numero di persone possibile.

Altro non possiamo fare.

3 Andrea, 25/05/20 23:55

In questo particolare caso credo che solo il tuo ragazzo possa fare qualcosa, dicendo in sostanza (ovviamente NON in modo così esplicito come sto per fare io): "se anche non ti interessa la vita delle galline perché fare una cosa che incrinerà i rapporti con noi?".

4 Generale, 26/05/20 10:02

Qualche movimento contro il collasso climatico aveva pubblicato un video, dove si vede la classica famiglia alla "mulino bianco" fare una tranquilla colazione, come niente fosse, mentre un incendio divampa e distrugge l'intera casa. Personalmente trovo che descrive bene quello che provo sia verso la questione ambientale, sia verso la questione animale. Come fanno a non accorgersi di quello che viene fatto ad esseri senzienti? pedalo lungo l'argine di un fiume e vedo un capannone dove so che sono torturati un'infinità di maiali: l'angoscia, un tremendo sentimento di impotenza mi blocca. Forse è simile all'emozione che descrivi tu. Come ripetono sempre Andrea e Marina, credo che l'unica strada sia fare qualcosa, l'attivismo. E a volte condividere con chi ha una sensibilità simile alla nostra.

5 Maffy, 26/05/20 21:28

io sento un senso di impotenza e non mi capacito del sadismo dilagante nei confronti degli animali e dei cuccioli di umano che paragono a tutti gli altri cuccioli indifesi e quando ad essere ignoranti e trogloditi sono i propri familiari o conoscenti allora perdo la speranza perchè non capisco cosa ci sia di così difficile nel provare empatia e compassione verso creature inermi, allora penso, questo è proprio sadismo, provare piacere nell'infliggere sofferenze e morte ad esseri viventi indifesi! Ma le cose stanno cambiando lentamente per necessità non per empatia, e l'insostenibilità di questo modello fallimentare sotto ogni punto di vista, porterà a delle scelte "vegan" volenti o nolenti.Probabilmente io non riuscirò a vedere questi cambiamenti ma arriveranno, sempre che il genere umano non si autoestingua prima, a causa della sua imbarazzante stupidità!

6 Marina, 27/05/20 09:40

Sicuramente a un certo punto i consumi di carne dovranno diminuire per un semplice fatto di mancanza di risorse, come dici tu, ma prima di allora chissà quanti altri danni saranno stati fatti...

Io non credo comunque che si tratti di sadismo, in chi mangia carne: non provano piacere nelle sofferenza degli animali, semplicemente non ci vogliono pensare. Alcuni stanno anche male sul momento, quando vedono un video magari, ma poi accantonano il pensiero.

Con l'attivismo noi dobbiamo "stanare" quelli che, invece, dopo aver riflettuto su queste cose non accantonano il pensiero e cambiano comportamento.

7 Vale_2O17, 12/06/20 10:55

Scusate se rispondo solo ora.

Marina ha scritto:
Tralasciando il mammalucco che si dice vegetariano o ancor peggio vegano ma gli basta che gli animali li ammazzino quando lui non vede (perché, quando mai vediamo ammazzare animali?), non dobbiamo fare l'errore di pensare che quando diffondiamo informazioni TUTTE le persone le ricevano, le capiscono, ne siano interessati e, soprattutto, si comportino di conseguenza.

Sì, su quel tizio no-comment!!
Hai ragione Marina, non dobbiamo arrenderci. Lo dobbiamo agli animali.

Andrea ha scritto:
In questo particolare caso credo che solo il tuo ragazzo possa fare qualcosa, dicendo in sostanza (ovviamente NON in modo così esplicito come sto per fare io): "se anche non ti interessa la vita delle galline perché fare una cosa che incrinerà i rapporti con noi?".

Il mio ragazzo ha espresso il suo disappunto, tenendo conto che non è vegano quindi forse la cosa sta più a cuore a me che a lui... Anche se ripeto, non è d'accordo. Comunque io a mio cognato ho anche detto: "se non ti interessa delle galline, fallo per me!! Non ucciderle!!". Ê che si è fissato che vuole vivere di quello purtroppo. Spero non ne abbia mai il coraggio. Se invece lo farà, non credo mi sentirei più di andare a casa loro. Non voglio tagliare i ponti ma ci sto proprio male al solo pensiero!!

Maffy ha scritto:
io sento un senso di impotenza e non mi capacito del sadismo dilagante nei confronti degli animali e dei cuccioli di umano che paragono a tutti gli altri cuccioli indifesi e quando ad essere ignoranti e trogloditi sono i propri familiari o conoscenti allora perdo la speranza perchè non capisco cosa ci sia di così difficile nel provare empatia e compassione verso creature inermi, allora penso, questo è proprio sadismo, provare piacere nell'infliggere sofferenze e morte ad esseri viventi indifesi! Ma le cose stanno cambiando lentamente per necessità non per empatia, e l'insostenibilità di questo modello fallimentare sotto ogni punto di vista, porterà a delle scelte "vegan" volenti o nolenti.Probabilmente io non riuscirò a vedere questi cambiamenti ma arriveranno, sempre che il genere umano non si autoestingua prima, a causa della sua imbarazzante stupidità!

Concordo pienamente con te!!


Marina ha scritto:
Io non credo comunque che si tratti di sadismo, in chi mangia carne: non provano piacere nelle sofferenza degli animali, semplicemente non ci vogliono pensare. Alcuni stanno anche male sul momento, quando vedono un video magari, ma poi accantonano il pensiero.

Sì anche io credo sia così per quelli che comprano gli animali già fatti a pezzi nelle vaschette del supermercato. Ma quando decidi di allevarli e di ucciderli con le tue mani dopo che te ne sei preso cura per mesi o anni... Beh se li ammazzi davvero, tanto equilibrato non sei... È una cosa da psicopatici per me!!

Generale ha scritto:
Come fanno a non accorgersi di quello che viene fatto ad esseri senzienti? pedalo lungo l'argine di un fiume e vedo un capannone dove so che sono torturati un'infinità di maiali: l'angoscia, un tremendo sentimento di impotenza mi blocca. Forse è simile all'emozione che descrivi tu. Come ripetono sempre Andrea e Marina, credo che l'unica strada sia fare qualcosa, l'attivismo. E a volte condividere con chi ha una sensibilità simile alla nostra.

:-( hai ragione in pieno. L'attivismo è l'unica cosa che mi da speranza in questo mondo di violenze senza fine!

Cos'hanno in comune queste persone? Ciascuno di loro sta salvando migliaia di animali.

Siamo tutti diversi, trova il modo adatto a TE per aiutare gli animali!