Un progetto di AgireOra - Informazioni e progetti animalisti

Logo Vegan Home

- La casa dei vegan

» Home | Collabora | Novità | Contatti «

problemi valori nutrizionali latte soia autoprodot

1 LaFatinaTrilly 14 gennaio 2012; 08:52:49
ragazzi ho un problema... so che potrebbe sembrare una
assurdità... ma non è tanto per le calorie quanto per il
contenuto di proteine.

Secondo voi, o secondo dati oggettivi che non conosco :), in
100 ml di latte di soia autoprodotto quante proteine ci
sono?

utilizzando semi di soia con 36 gr di proteine per 100 gr
(semi secchi...ovvio)quante proteine si trasferiscono al
latte?

so che potrebbe sembrare una domanda assurda, ma ho dei
problemi di peso e il medico mi dice che dovrei assumere un
bel po' di proteine al mattino, almeno 10 gr, ovviamente
controllando le calorie..
la dieta vegetariana mi ha praticamente fermato il
metabolismo... sono una cuoca abile... quindi magari esagero
con le calorie... però ho preso 8 kg in 6 mesi... è
assurdo... e a casa i commenti di familiari e ottusi
onnivori (se non mangi la carne non puoi dimagrire) sono
ormai insopportabili!

io di solito acquisto il latte di soia solo per essere certa
delle proteine contenute (100 ml 3,2 gr di proteine per 33
cal) 

voi sapreste darmi una mano in questo senso?
come calcolo il contenuto di proteine in caso di
autorproduzione?

grazie di cuore :)



2 lapa 14 gennaio 2012; 11:27:51
* LaFatinaTrilly ha scritto:

 
> Secondo voi, o secondo dati oggettivi che non conosco :), in
> 100 ml di latte di soia autoprodotto quante proteine ci
> sono?
> 
> utilizzando semi di soia con 36 gr di proteine per 100 gr
> (semi secchi...ovvio)quante proteine si trasferiscono al
> latte?

Ciao LaFatinaTrilly,
be la quantità esatta non te la saprei dire, però son sicuro
che sono molto meno rispetto alla soia normale;

perchè durante la preparazione si prende l'impasto liquido
(che di solito si ottiene mischiando soia con acqua,
portandolo in ebollizione per un po' di tempo e mi sembra
che la soia sia stata macinata, non ricordo bene..) e si
filtra quest'impasto... Quindi se ben ricordo ciò che va a
formare poi il latte sia solo una parte dei fagioli di
soia... Ne deduco che anche le proteine siano di meno ma non
sicuro sia questo il motivo...
In commercio ci sono anche dei frullatori appositi ma il
contenuto di proteine dovrebbe comunque essere medio/basso,
infatti anche nei latti venduti è così


> la dieta vegetariana mi ha praticamente fermato il
> metabolismo...

???

> sono una cuoca abile... quindi magari esagero
> con le calorie...

probabile, prova a contarle indicativamente senza diventare
matta, ma per avere un'idea...

> però ho preso 8 kg in 6 mesi... è
> assurdo...

prova a mangiare un po' meno e muoverti di più, alla fin
fine è la cosa migliore


> e a casa i commenti di familiari e ottusi
> onnivori (se non mangi la carne non puoi dimagrire) sono
> ormai insopportabili!

Non li ascoltare nemmeno, prova solo a dire "ma quanti
mangiatori di quello schifo esistono con un peso
eccessivo?"
 
> io di solito acquisto il latte di soia solo per essere certa
> delle proteine contenute (100 ml 3,2 gr di proteine per 33
> cal) 
> 

appunto non mi sembra una gran quantità di proteine,
premesso che è sbagliato assimilare troppe proteine, ma quel
latte mi sebra ne abbia poche; se mangi un po' di legumi,
magari semi o frutta secca nelle tue giornate ne hai la
quantità giusta... Poi comunque quasi tutti gli alimenti
contengono una quantità anche misera di proteine..

> voi sapreste darmi una mano in questo senso?
> come calcolo il contenuto di proteine in caso di
> autorproduzione?
> 

dopende da come lo produci ma in linea di massima è un
contenuto tendenzialmente basso, ma secondo me non serve
saperlo, oppure puoi comprare quello al supermercato che c'è
già scritto 


3 Marina 14 gennaio 2012; 14:50:00
Come già detto tante volte, non ti devi porre il problema
delle proteine.
Se mangi normalmente, ne ottieni più che abbastanz,a quindi
non devi fare nessun conto.

Piuttosto, tieni il conto dei grassi e delel calorie, perché
se sei ingrassata sicuramente hai esagerati con quelli, non
certo per l'alimentazione vegetariana (a meno che tu non
intenda latto-ovo-vegetariana con consumo quotidiano di cibi
animali, allora sì avrai aumentato l'introito di grassi e
calorie, mentre con un'alimentazione 100% vegetale questo
non succede).
Infatti mediamente i vegan sono più magri degli onnivori.
Questo non significa che il singolo vegan sia più magro del
singolo onnivoro, è una statistica, ma ti dimostra che non è
vero che si ingrassa con l'alimentazione a base vegetale,
piuttosto il contrario.

Quindi, devi mangiare meno grassi e meno calorie e fare più
modo, il punto è solo questo, non la misurazione delle
proteine del latte di soia ;-)

Ciao,
Marina

4 seitanterzo 14 gennaio 2012; 17:11:50
* LaFatinaTrilly ha scritto:

> 
> Secondo voi, o secondo dati oggettivi che non conosco :), in
> 100 ml di latte di soia autoprodotto quante proteine ci
> sono?

bisognerebbe cercare quanti gr di soia vengono utilizzati
per 100 ml. In genere il latte ha 1/10 delle proteine
originali. Magari vedo se trovo quancosa, ma non ne vedo
l'utlità.

>> 
> so che potrebbe sembrare una domanda assurda, ma ho dei
> problemi di peso e il medico mi dice che dovrei assumere un
> bel po' di proteine al mattino, almeno 10 gr, ovviamente
> controllando le calorie..

Te lo dico nel modo più scientifico in cui posso esprimermi
sull'argomento! E' una cazzata assurda, da veri dilettanti
della salute!

Aumentare le proteine vuol dire creare sintomi di acidità e
dimagrire grazie a reazioni che si verificano in organismi
malati! Non ti avrà nemmeno detto che devi aumentare i
liquidi ingeriti, per ridurre i rischi renali?


> la dieta vegetariana mi ha praticamente fermato il
> metabolismo... 

"fermare il metabolismo" non vuol dire proprio nulla. Se
aumenti le calorie ingerite rispetto a quelle consumate,
ingrassi, questa è la base del principio.
Fare pasti copiosi vuol dire aumentare di colpo il livello
di glucosio nel sangue, che l'insulina deve affrettarsi a
trasferire negli spazi liberi: cellule e fegato. Ma sono
limitati, visto che un livello alto di glucosio non può
restare nel sangue, l'insulina trasferisce l'eccesso dentro
un magazzino di riserva, illimitato, cioè le cellule
adipose, le quali possono crescere a dismisura.
Per cui il glucosio in eccesso si trasforma in grassi, messi
lì come energia di riserva. 

Quindi puoi fare più pasti giornalieri, ma ridotti, in
questo modo non ci saranno eccessivi accumuli.
Per perdere quanto incamerato non serve nemmeno una dieta
ipocalorica (la quale produce effetti secondari e dopo la
fine ti restituisce il peso), ma ci vuole un'alimentazione
adatta al tuo peso ideale, all'incirca, il che equivale a
mangiare secondo la fame.

Inoltre, bisogna ritornare ad uno stile di vita equilibrato,
il quale comprende l'esercizio fisico. Siamo fatti per
muoverci, e ogni tipo di sedentarietà genere un diverso tipo
di problema, che possiamo eliminare grazie al movimento
adatto.
Principalmente, E' PIU' IMPORTANTE AUMENTARE IL CONSUMO
CALORICO CHE RIDURNE L'APPORTO.